venerdì 14 febbraio 2014

( VIDEO) TENNIS CLUB NELLA TEMPESTA...

La tempesta a cui ci riferiamo nel titolo non è solo quella dovuta alle condizioni meteo che ormai da due anni ( ma sembra che c'entrino anche i lavori delle chiuse) stanno ciclicamente rendendo inagibile lo storico club di Tennis (dopo il circolo nautico, la più vecchia associazione sportiva del nostro comune) la criticità a cui ci riferiamo è l'accumulo di problemi a cui l'attuale giunta sta cercando di fronteggiare. Facciamo un passo indietro: dopo la realizzazione delle nuove chiuse di Brondolo il tennis club si trova più volte inagibile per allagamenti, i soci quindi iniziano a cercare una soluzione presentando anche dei progetti in accordo anche con altre società, per motivi di prudenza ( non vogliamo creare nessun genere di polemica) saltiamo una parte dei passaggi anche se, lo affermiamo con il cappello in mano, alcuni errori, sicuramente in buona fede sono stati commessi dal sindaco e in particolare da uno degli assessori. Fatto sta che il noto progetto che prevede il passaggio della struttura gonfiabile di Brondolo per la realizzazione di due campi da tennis a Borgo San Giovanni rischia di naufragare in quanto il sindaco e la maggioranza che guida il comune sotto la pressione della pubblica opinione cittadina esasperata per i tanti problemi ma in particolare per la disastrosa situazione delle strade comunali sta iniziando a considerare se è veramente una priorità la realizzazione di questo nuovo centro sportivo. Che sia chiaro che i soci del Tennis Club si stavano già impegnando per trovare soluzioni, anche questa sera ci sarà un consiglio di amministrazione che dovrà decidere come poter continuare l'attività sociale. In questi giorni c'è stato un nuovo caso di una famiglia che si è rivolta ad una trasmissione televisiva per chiedere al sindaco la possibilità di avere un'abitazione, sulla spinta dell'emotività del caso ( sul quale si dovrebbero conoscere veramente tutti gli aspetti, ma sorvoliamo) alcuni hanno espresso delle perplessità sul fatto che a fronte di situazioni di disagio si spendano 800.000 euro per impianti sportivi piuttosto che asfaltare le strade piuttosto che dare contributi ai pendolari ect ect ect. Ci permettiamo alcune considerazioni: a) A nostro avviso un'amministrazione comunale ha tutti i diritti ( e il dovere ) di fare delle scelte, meglio la piscina o meglio dare contributi per esempio agli artigiani? b) Sfrattati, non conosciamo il numero preciso ma di sicuro non ci saranno meno di 300 soggetti, tra single e famiglie che hanno delle necessità abitative, il comune ha le risorse per soddisfare tutti? NO, lo sappiano TUTTI, infatti il comune fornisce un contributo, poco, molto, giusto, sbagliato, adeguato o non adeguato un contributo piccolo a grande lo sta dando ad un notevole numero di persone.C) Il comune per fini sociali spende OLTRE cinque milioni di euro, un inciso molti di quelli che ricevono il contributo lo utilizzano per pagarsi le sigarette e per giocare con le macchinette mangiasoldi, una parte di questi soggetti parte tutte le settimane con gli autobus che portano ai casinò sloveni. Non andiamo avanti in questo ragionamento in quanto ci sembra di aver dato molti spunti per considerare con attenzione se sia più opportuno realizzare una struttura sportiva che possa togliere dalla strada tanti giovani oppure utilizzare quei fondi per altre iniziative.

22 commenti:

  1. poveri tennisti, avranno tutte le Lacoste schizzate di fango. Ma che disdetta, che sciagura... e tutto per dare una casa a dei pezzenti. Che vergogna. Non e' possibile discriminare cosi' chi ha la puzza sotto il naso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo l'abitudine di pubblicare tutti i commenti ( non offensivi) scusa ma sei molto superficiale con questo giudizio, non approfondiamo perché ci sono di mezzo TANTE situazioni particolari, sappi che sbagli.

      Elimina
  2. Ovvove ovvove

    Adesso i nostvi pavgoli savanno costvetti a mescolavsi con i figli della plebe (senza bovsone Luì Vuittò) pev fave altvi tipi di spovt!

    hihihi
    Scusa Andrea
    hihihi
    ma sto godendo come un riccio
    hihihi
    (nessun morto, nessun ferito e quindi si può ridere...).

    Certo che hanno la faccia di "tolla" eh?

    Il Cavaliere Nero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque i problemi in una città ci sono sempre,sarebbe bello poter fare qualcosa per tutto e tutti,ma non è possibile.Queste persone che frequentano il circolo tennistico vanno rispettate,hanno la propria passione,punto e basta. I poveri sfrattati farebbero bene ad alzarsi su le maniche per risolversi i propri problemi e non aspettarsi sempre la MANNA dal cielo,come fanno i Napoletani. Non vedo mai,soci del tennis club che dilapidano il proprio stipendio in macchinette o in Tour in Slovenia. Come mai? Semplice,sono soprattutto i MISERABILI E I POVERETTI MORTI DI FAME,che riempiono quotidianamente le casse di quelle maledette Slot Machine.Un ricco su mille sperpera denaro,e un poveretto su mille fa la cresta sulla spesa.EL MALE CHE SE VUOLE,NO XE' MAI MASSA. Meditate gente,Meditate.

      Elimina
  3. E' assurdo che Comparato si ostini a difendere questa causa. L'attività del tennis club è PRIVATA e non ha nessun diritto che vengano spesi centinaia di migliaia di euro PUBBLICI per far lucrare gli organizzatori del circolo del tennis! E' inconcepibile e assurdo. Da Corte dei Conti (e da Procura della repubblica), e mi stupisco che accusi di superficialità il commentatore di prima. Siamo tutti d'accordo con lui, altro che superficialità!

    RispondiElimina
  4. Bravo Cavaliere Nero. Solo Andrea non ha capito

    RispondiElimina
  5. certo, ci sono altri campi da tennis COMUNALI gestiti da privati...e quelli? parlano anche quelli con la r moscia, oppure ci sono due pesi e due misure?
    Cmq senza fare tante polemiche, inutili, il comune può decidere di fare degli investimenti per lo sport, con regolari bandi, e decidere delle linee guida...il parcheggio giove dei saloni, per un accordo, ha cconvenzionato l'ultimo piano a .50 cent l'ora...perché non dovrebbe farlo con un'associazione sportiva? Il tennis club piuttosto che gli amici del pallone? Guarda che i soci del tennis, VOGLIONO aprire ai ragazzi, la vs mi sembra un po' di pregiudizio. E cmq, da quello che ho avuto modo di capire, si tratta di decidere....

    RispondiElimina
  6. bene, facciamo il bando, ma apriamolo alle societa' sportive di tutta Italia, altrimenti non e' un bando. qualcuno dell'opposizione dice che il sopralluogo sul posto dove verranno costruiti i famosi campi da tennis comunali e' stato fatto insieme a quelli del tennis club. mi pare un cattivo inizio per un bando "pubblico" aperto a tutti. o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente l'amministrazione non ha MAI pensato di NON fare un bando, non voglio entrare a fondo in questa vicenda per vari motivi. Mi sembra però che si stia parlando di sport, della seconda associazione sportiva , per età, della nostra città, di un'associazione con statuti e regolamenti , con un consiglio di amministrazione trasparente che di sicuro non LUCRA, quindi di cosa stiamo parlando? Ci sono molte altre associazione che gestiscono impianti comunali con bando....insomma continuo a leggere molto pregiudizio nei confronti del tennis club. Se ci sono degli errori io credo che siano in buona fede da parte dell'assessore Girotto, ripeto in buona fede, sapete bene che con Girotto non ci baciamo di certo, probabilmente spinto dalla voglia di concludere il suo mandato con un impianto sportivo realizzato forse, ripeto forse, si è espresso in modo diciamo azzardato, ripeto ancora una volta forse. Ci deve rimettere una seria società sportiva per questo?

      Elimina
  7. Mio figlio gioca a tennis da quando ha sei anni. E' ancora un bambino. Non indossa una lacoste e le lezioni gliele paghiamo meta' noi e meta' lui con le mancette che si mette via. Nessuno di noi a casa gioca a tennis. Ha scelto da solo lo sport. Lo fa con passione, in camera ha i poster dei tennisti, segue le partite di tennis e sogna di vincere, affrontare avversari forti come fanno tutti i suoi coetanei che praticano calcio, basket o altri sport comuni come il tennis. Ha il problema dei campi. Si ogni anno gli unici campi coperti vanno sott'acqua, si ferma settimane perche' i campi non sono agibili e poi riprende giocando sul fango con palle che si inzuppano e diventano pesanti. Pero' continua allenandosi e sognando di diventare un bravo tennista. E quando gioca affrontando bambini di altri circoli porta il nome della sua citta' si perche' se la cava abbastanza bene, d'altronde se si fa una cosa con tanta passione i risultati arrivano. E come lui nella scuola tennis ci sono circa un'ottantina di bambini e ragazzini che praticano il tennis e stiamo parlando di bambini e ragazzini della nostra città. Si la scuola tennis e' possibile grazie all'unica struttura messa in piedi da soci privati, ma i bambini e ragazzini della scuola tennis sono per la maggior parte figli di non soci. A Natale il vicesindaco ha promesso che il prossimo inverno non giocheranno piu' nel fango ma ci saranno i nuovi campi. Ma sembra siano solo parole al vento. Sono innutili sterili polemiche che disfano e non costruiscono mai nulla. Perche' non si riesce a capire quanto sia importante lo sport nella crescita di un bambino, che sia tennis o altro sport. Perche' non si capisce che bambini e ragazzini impegnati in palestre o campi vari significa non vederli per le strade in pericolo. Significa insegnare loro a volersi bene a lavorare duro ad avere il senso del dovere che gli servira' in tutto quello che faranno. Come e' possibile che in un comune di 50.000 abitanti non si possa praticare il tennis come qualsiasi altro sport? Mi auguro che questa amministrazione mantenga le promesse che ha fatto a prescindere da un club o l'altro, ma che investa per lo sport almeno una parte di quanto aveva promesso, comprendendo che si sta trattando di un servizio sociale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egregio
      i "servizi sociali" hanno priorità diversa tra loro, non possono essere messi tutti sullo stesso piano.
      Se per costruire un centro tennistico si devono aumentare le tasse o tagliare altri servizi allora meglio rinunciare (al tennis).
      Lo sport per i giovani è cosa importante, molto importante, come lei giustamente sottolinea ma non è detto che le strutture debbano necessariamente essere realizzate con soldi pubblici!
      Quindi visto che i praticanti sono circa un ottantina (cifra di tutto rispetto) perchè le famiglie cui appartengono non finanziano loro la realizzazione di nuova struttura? Non serve una struttura faraonica e verrebbe a costare sicuramente meno di quanto spenderebbe qualsiasi ente pubblico (ha presente come funzionano gli appalti in italia vero?).
      Potreste chiedere inoltre, quando possibile, un contributo finanziario anche ai nonni dei pargoli, penso sarebbero ben felice di destinare una piccola parte una tantum della pensione alla felicità dei nipotini visto che questi (i nipotini) la pensione la vedranno con il binocolo.
      Se volete le risorse le trovate, basta mettere mano al portafoglio e voilà... problema risolto.

      Ps
      Consiglio personale.
      Visto che vivete in un paese tecnicamente in bancarotta (tenuto in vita temporaneamente dalle alchimie del buon Marietto Draghi), investite in campi di patate piuttosto che in campi da tennis... con i primi si mangia con i secondi no.

      hahahaahahahahahahahaahahahahaha

      Il Cavaliere Nero

      Elimina
    2. Qual'è il problema?
      80 bambini = 80 famiglie
      Mano al portafoglio, stanziate 3.000€ a famiglia (per i figli questo ed altro...) e siete già arrivati 240.000€.
      Vi trovate qualche sponsor e potete arrivare tranquillamente a 300.000€, vi fate i vostri campi e ci fate quello che volete (organizzate tornei, manifestazioni varie, corsi a pagamento, ecc.).

      No vero? Volete i soldini pubblici (tradotto i soldi degli altri).
      Già... già... come diceva qualcuno:
      tutti finocchi con il c**o degli altri.

      Ps
      Da libro Cuore... "(...) giocare sul fango con le palle che si inzuppano e diventano pesanti."
      Sapeste le palle degli altri quanto sono pesanti... a sentire certe lamentele.

      Il Cavaliere Nero

      Elimina
  8. è arrivato un commento che non è offensivo ma è talmente intriso di pregiudizio che francamente ci rifiutiamo di pubblicare, " sei ore la cale e sei ore la cresse" se vuoi ti identifichi e ripeti quello che hai scritto.

    RispondiElimina
  9. Per inciso il comune spende SEI MILIONI d euro all'anno per le famiglie in difficoltà, di queste almeno la metà, forse di più li butta via in sigarette e slot machine, gridiamo allo scandalo per un investimento nello sport per TUTTI... sarebbe proprio da non dare NULLA, vanno ogni settimana in Slovenia in pulman...

    RispondiElimina
  10. Scusi Signor comparato,e quello che ha scritto il male che se vuole non se mai massa perchè lo hai pubblicato ? anche quella e una frase di pregiudizio quindi ti dico se vuoi pubblicarlo lo pubblichi togliendo quella frase sei ore la cale sei ore la cresse perchè appunto il mio commento non è stato offensivo ma solo a favore di tutte quelle povere famiglie disagiate tutto quà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardi mi scusi, non vorrei far la parte del padre-padrone, mi sembra che sia in corso una guerra tra poveri, nessuno è insensibile al disagio che c'è sempre più opprimente, sai quante gente conosco? sai quanti amici che ho che stanno passando un pessimo momento? Però con questo non si può pensare che il bilancio di un comune possa essere utilizzato completamente per aiutare le famiglie, ci sono tante altre esigenze: asfaltare le strade, manutenzionare gli edifici pubblici, pagare gli stipendi ai dipendenti comunali, illuminazione pubblica....non esiste la possibilità di dare la casa a tutti, né a Chioggia né nel resto del mondo, cosa può fare una qualsiasi amministrazione cerca nei suoi limiti dare un contributo che è quello che fa il comune di chioggia. Scagliarsi contro un club che fa sport come stiamo procedendo è, a mio avviso, profondamente sbagliato, potremmo discutere sull'opportunità di fare i campi da tennis coperti piuttosto che il tetto allo stadio aldo e dino ballarin, o piuttosto delle piscine, ma pensare che si possa eliminare lo sport...mi sembra, perdonami, una grande cavolata. Per poi ritrovare gli stessi che prendono il contributo quando fai la spesa per la frutta che tranquillamente parlando ti raccontano che aspettano il contributo comunale per andare al casinò della slovenia.

      Elimina
  11. Caro comparato tu fai di tutte quelle famiglie tutta un erba un fascio....queste famiglie avranno anche il diritto di ricominciare... ti dico una cosa tu dici che almeno la metà butta via i soldi in macchinette e sigarette ecc sono d'accordo perchè sappiamo che purtroppo tanti li sprecano così i soldi.... però non puntare il dito verso l'altra metà che senza dubbio usa i soldi veramente per mangiare.

    RispondiElimina
  12. Assolutamente no, il mio ragionamento devi valutarlo in un determinato contesto, dovresti sentire anche il " tono" con cui lo direi in una conversazione. Ho molto amici fumatori, alcuni dei quali hanno fatto di tutto per smettere di fumare, io non fumo ma penso solo di essere stato fortunato...non mi ritengo migliore. Il ragionamento è per dire che non puoi riservare tutto per le famiglie disagiate, non pretendo di avere la verità in tasca.

    RispondiElimina
  13. Tanto Andrea, possiamo stare qui fino a Natale ma non c'è niente da fare.Tutti vogliono fraintendere e capiscono solo quel che gli fa comodo.Mio figlio è alla scuola Alberghiera e per fare ginnastica devono andare al pomeriggio in un'altra scuola visto che non hanno la palestra. Questa è la nostra situazione a livello strutturale a Chioggia. In CAMPAGNA ci danno 10 a 0, E POI LI CHIAMIAMO CONTADINI:

    RispondiElimina
  14. State parlando di una possibile opera pubblica di cui Chioggia è senz'altro carente.Al di la' delle fesserie che ho letto, credo che se si voglia evitare che tali strutture facciano la fine che hanno fatto le opere precedenti , vedi piscina comunale o campi da calcetto della Serenella, sia importante darle in gestione a chi possa garantire la massima serietà e professionalità. Ci sarà sicuramente un bando di concorso pubblico a cui potranno partecipare tutti i soggetti con i requisiti richiesti. L'amministrazione deciderà e dovrà rispondere sulle motivazioni della scelta. Benvengano i signori in "Lacoste" se garantiranno la gestione in modo limpido e dando a Chioggia la possibilità che i propri ragazzi possano fare dello sport ed imparare la cultura sportiva togliendoli dalle strade........tutto il resto è noia come diceva il grande Califano!

    RispondiElimina
  15. michele spinello26 febbraio 2014 02:39

    Ciao Andrea sono Michele Spinello vice presidente dell'ASD Tennis Club Chioggia, scusa se mi intrometto, ma tutto ciò che si sta dicendo sono solo falsità e tutti questi personaggi meschini e codardi che si nascondono dietro l'anonimato dovrebbero avere il coraggio di rivelare il loro nome e cognome per avere un confronto diretto con il sottoscritto o anche con il presidente per conoscere e far sapere come stanno realmente le cose.
    Sono e siamo sempre disponibili con tutti, ma non tramite blog.
    Firmato: Michele Spinello ........disoccupato da 9 mesi in cerca di lavoro (che ha quasi trovato)..........non come certa gente che aspetta solo i contributi da parte del Comune.

    P.S. Un plauso a quel genitore che porta suo figlio a giocare a tennis perché ha capito in pieno ciò che stiamo facendo e la bontà del nostro lavoro.........IL TENNIS CLUB PIOGGIA È APERTO A TUTTI.

    RispondiElimina